venerdì 2 settembre 2011

Il teorema della mucca nuova (Laura Zigman) - Venerdì del libro

Quando una mia amica ha dato un'occhiata alla sua libreria, intenta a scegliere qualche libro da prestarmi, ha fatto un sorriso ed ha preso tra le mani Il teorema della mucca nuova. Nel porgermi il volumetto - 214 pagine in tutto con una sgargiante copertina - mi ha detto: "Questo puoi leggerlo quando ti senti un po' così... e cerchi qualche cosa di leggero". Non avevo capito con precisione cosa intendesse con "...quando ti senti un po' così"... ma visto che me lo descriveva come leggero l'ho letto tra due libri più impegnativi, giusto per divagarmi un po'.

Lo propongo per questo Venerdì del libro - iniziativa di HomeMadeMamma - più che altro per tentare di aprire un dibattito sull'argomento portante: il rapporto tra uomo (toro) e donna (mucca). Non sono dei termini che vogliono offendere lui o lei ma i termini di confronto usati sulla base del teorema che è il leit motif del libro: quello che, in pratica, si ritrova nel titolo.

L'autrice parte dalla sua esperienza personale - la sua storia con un uomo e le conseguenze che il fallimento della loro storia hanno portato nella sua vita - per fare una riflessione sulla teoria che sarebbe alla base dei comportamenti dell'uomo che, dopo il corteggiamento e dopo una storia intensa, pian piano si allontana ed abbandona la sua amata. La teoria della mucca vecchia e della mucca nuova.

Il teorema si basa sul cosiddetto effetto Coolidge, conosciuto da veterinari ed allevatori di tutto il mondo ed è frutto di un vero e proprio esperimento.

Nel primo giorno dell'esperimento a un toro venne portata una mucca. I due si accoppiarono.
Il secondo giorno al toro venne portata la stessa mucca, ma questa volta l'accoppiamento non avvenne. Nel terzo giorno al toro venne offerta ancora la stessa mucca, visibilmente travestita, ma di nuovo non vi fu accoppiamento. Il quarto giorno i ricercatori si resero conto che il toro resisteva a ogni tentativo di ingannarlo con stimoli visivi fasulli e decisero di camuffare la mucca in modo diverso: distribuirono il liquido vaginale di una mucca nuova sulla zona genitale della mucca già montata. L'interesse del toro fu momentaneamente ridestato ma neanche in questo caso avvenne l'accoppiamento. Tesi inconfutabile: il toro pretendeva una Mucca Nuova e rifiutava di accoppiarsi per la seconda volta con quella che oramai gli appariva come una Mucca Vecchia.

Ebbene, tale teoria sarebbe anche alla base dei comportamenti degli uomini ch
e, dopo una relazione intima più o meno lunga con una donna, diventa rapidamente insofferente nei confronti di quella che vede come Mucca Nuova...

E' questo, fondamentalmente, l'assunto secondo il quale la protagonista del libro, Jane Goodall, cerca di dare una spiegazione a quanto le è accaduto.
La lettura è ironica e a tratti divertente. Una lettura leggera che porta ad un finale molto "umano".
La protagonista vive momenti di crisi profonda dopo un periodo idilliaco con un uomo che la stava per rendere parte importante della sua vita, scegliendo addirittura un appartamento in cui vivere insieme.
Poi arriva il baratro: viene lasciata e inizia a sentirsi Mucca Vecchia...
Secondo una teoria di questo tipo non ci sarebbero storie destinate a durare. E poi, chi dice che sia solo il toro a volere una Mucca Nuova dopo aver condiviso una storia, anche intima, con una Vecchia? Non ci sono forse anche donne che cercano il Toro Nuovo dopo un po', a fronte di un Toro Vecchio da abbandonare?

La lettura mi ha divertita. La narrazione è particolare: ogni capitolo è introdotto da una massima e vengono poi alternati racconti relativi alla storia di Jane ma anche considerazioni di carattere "scientifico".

* L’effetto Coolidge prende il nome da un aneddoto sull’ex, presidente U.S.A. Calvin Coolidge, in visita con la moglie in una fattoria governativa.
Giunti sul luogo, intrapresero due tour separati.
Quando la signora passò davanti ai pollai, si fermò e domandò all’addetto se il gallo si accoppiasse più di una volta al giorno.
“Decine di volte” fu la risposta.
“Per favore fatelo sapere al Presidente” esclamò la first lady.
Quando il presidente visitò gli stessi pollai e fu informato delle abitudini del gallo, chiese: ”Con la stessa gallina tutte le volte?”
“Oh no, signor Presidente, ogni volta con una gallina diversa”.
Il presidente annuì lentamente, poi affermò: “Riferitelo alla signora Coolidge”.

A questo punto sarei anche curiosa di sentire il vostro punto di vista in merito: Mucche Vecchie... Mucche Nuove... Che ne dite di questa teoria?

7 commenti:

  1. Molto ben scritta questa recensione e sarei tentata di leggere il libro, ma in realtà è un argomento che mi attira davvero poco , ognuno ha della cosa un esperienza personale e non credo si possa generalizzare, personalmente non mi sento nè mucca, nè vecchia...mi fido sulla parola e passo!!
    ciao loredana

    RispondiElimina
  2. ....aspetto con curiosità di sapere cosa pernsi del Profumo delle foglie di limone...io dopo aver tentato di leggerlo ed essere arrivata a fatica apoco più di 100 pagine, ho rinunciato!!!
    poi verrò a leggere la tua impressione!!!
    ciao loredana

    RispondiElimina
  3. @ Loredana: devo ammettere che quando ho trovato il paragone DONNA-MUCCA ho storto un po' il naso. Poi proseguendo nella lettura ho capito il termine del problema e non ci ho fatto più caso. Non è usato in senso offensivo per le donne ma in relazione alla teoria che si vuole spiegare ed applicare. Sono d'accodo quando dici che non si può generalizzare - e alla fine l'autrice se ne accorge - e che ognuno ha una propria singolare esperienza...
    Il Profumo delle Foglie di limone... la mia lettura procede... ti dirò presto!

    RispondiElimina
  4. Ciao!
    Sono un po' di corsa in questi giorni, l'argomento meriterebbe riflessioni fatte con calma, ma ...ora o mai più. Non ho letto il libro e non sono infastidita dal paragone con le mucche (il titolo mi ha fatto pensare a un noto testo che in sostanza parla di marketing ;-) molto interessante sotto certi aspetti per cui le mucche mi sono proprio simpatiche), semmai deve infastidire la superficialità di alcuni esseri umani ;-)
    Sarebbe facile sparare a zero (ha trovato un "seriale", ma lei cosa cercava?), anche io però credo non si possa generalizzare: è vero ci sono uomini che collezionano donne come le Carrie Bredshow colleziona scarpe, e viceversa, e altri (forse molti di meno) che cercano e trovano il grande amore, però è più corretto dire che ci sono momenti ed incontri diversi nella vita delle persone e un po' conta anche la buona sorte. Ho una relazione con la stessa persona da 20 anni, direi che noi siamo stati più fortunati e spero la nostra buona stella non ci abbandoni... ciao!

    RispondiElimina
  5. @ Cì... anche io sto con la stessa persona da più di venti anni, oramai... e non c'è teoria che tenga ;-)

    RispondiElimina
  6. ho comprato questo libro oggi, perchè mi ricordava un film "qualcuno come te" che io ti consiglio di vedere perchè è molto divertente...credo che lo leggerò appena termino un mattone che mi sto ostinando a leggere!!! appena finisco ti dirò che ne penso e cosa sono..per adesso più che una mucca mi sento un canguro!!!

    RispondiElimina